9 ottobre 2018

Sogno n. 339


Ero con una donna che sentivo essere mia madre, anche se non lo era per l'aspetto fisico. L'aiutavo a soccorrere un bambino piccolo che era in pericolo. Era suo figlio ed io sentivo che era mio fratello. Il bambino si trovava in una grotta e lei non riusciva a staccarlo dalla roccia, ma io ci riuscivo facilmente.

Era un neonato nudo e completamente congelato. Me lo stringevo al petto mentre ci allontanavamo dalla grotta. Era un cubetto di ghiaccio, tanto che, nel muovergli un braccino, emetteva il sinistro scricchiolio del ghiaccio che si rompe. Allora decidevo di non muoverlo più sapendo che ogni scricchiolio corrispondeva ad una frattura.

Sapevo che sarei riuscito a rianimarlo anche se mia madre lo dava per morto. Infatti mi fermavo al sole e il piccolino si scioglieva quasi subito e sporgeva la testa verso il sole, apriva gli occhi e sorrideva per il calore che lo stava riportando in vita. Provavo amore e gioia per il piccolino e lo stringevo a me.

Poi tutto era confuso, ma sapevo che il bimbo era nuovamente in pericolo in un posto cupo e non più caldo. Con lui c'erano 2-3 donne maldestre che lo tenevano pericolosamente vicino ad un pozzo. Temevo per lui e non facevo in tempo a riprenderlo, una di loro lo faceva cadere nel pozzo con un gesto maldestro del braccio.

Interpretazione

Il sognatore aveva avuto un'infanzia caratterizzata da un rapporto materno da lui  vissuto come molto FREDDO. Solo quando rifletteva razionalmente arrivava alla conclusione che, in fondo, sua madre aveva fatto anche dei sacrifici per crescerlo. Diceva: "Se si è sacrificata così vuol dire che mi voleva bene". Ma arrivava a questa conclusione solo per via  logica, come deduzione, non si trattava della sensazione immediata di calore prodotta dall'amore quando viene manifestato apertamente.

Era cresciuto in un ambiente di donne che, secondo lui, non si erano prese cura della sua infanzia nella maniera giusta. Dal momento che lui è ancora vivo, però, la morte che gli procurano è quella emotiva, non quella fisica.  

Poiché la caverna è un simbolo materno e anche dell'inconscio, a quel livello il sognatore sente che è riuscito a raggiungere la sua autonomia di individuo solo grazie alle proprie capacità. Senza di queste, la madre lo avrebbe ancora tenuto attaccato a sé.


15 settembre 2018

Sogno n. 338


Vedevo un coltello all'interno del mio stomaco. Lo vedevo scendere nell'intestino fino ad uscire in mezzo agli escrementi. Lo pulivo e constatavo che era un bel coltello, nuovo.

Questo sogno mi ha procurato un grande senso di soddisfazione fin dal momento in cui l'ho fatto.

Interpretazione

Il simbolo del coltello è ricchissimo di significati e qui non li esaminerò certamente tutti. In questo caso il coltello sembra collegato con la sua funzione più tipica, quella del tagliare, del dividere, del ridurre in pezzi perciò rappresenta bene l'analisi psicoterapeutica. Però attenzione, non nel senso che questa analisi distrugga, uccida, ma nel senso etimologico del termine, come scomposizione di un tutto allo scopo di comprenderlo. La conoscenza "analitica" infatti è quella che divide in parti il suo oggetto di studio. Qui l'aggettivo "analitica" si riferisce a tutta la conoscenza razionale e non alla sola conoscenza psicoanalitica.

Nel sogno, il percorso che compie il coltello è completo, non si ferma a metà, arriva fino agli escrementi, come deve essere in un'analisi psicoterapeutica ben riuscita.

Da notare che in questo caso gli escrementi non producono sensazioni di schifo e repulsione. Al contrario, per far tornare il coltello bello e nuovo infatti basta pulirlo.

Da notare anche che tutta l’operazione è riferita all’intestino e non alla testa. Allora viene spontaneo ricordare che fin dall’antichità gli uomini hanno sempre associato gli intestini alle emozioni e la testa ai pensieri razionali. Come dire che l’analisi psicoterapeutica ha bisogno di lavorare sulle emozioni e non su quelle che gli psicoanalisti chiamano “ruminazioni”, volgarmente dette “pippe mentali”.

Il sognatore prova una grande soddisfazione. Lo credo bene, considerando il significato positivo e profondo del sogno.


18 agosto 2018

Sogno n. 337


Trovavo un modo molto semplice per uccidere. Si trattava di lanciare contro una persona una polvere medicinale. Si trattava quindi di una sostanza che sembrava curativa ma che invece uccideva.

Io lo facevo contro una donna e la scena avveniva nell'attuale stanza da letto di mia madre (che prima era quella dei miei genitori).

Interpretazione

Emerge una pulsione aggressiva diretta contro la madre. Si tratta di una pulsione che si nasconde dietro una falsa apparenza di sollecitudine e di cura.

Il fatto che la scena si svolga nella stanza da letto che un tempo era quella dei genitori fa pensare a un possibile Edipo emergente oppure ai residui di quella che Freud chiamava “scena primaria”. In quest’ultima di solito l’aggressore viene visto nel padre - quindi dovrebbe essere lui la persona da punire - ma la psiche umana sembra fatta apposta per ingarbugliare le carte e rendere difficile l’opera dell’analista.

In questo caso si potrebbero fare delle ipotesi, ma non convincerebbero nessuno o quasi. Servirebbero solo a far aumentare le perplessità di qualcuno a proposito di questo tipo di analisi perciò meglio nessuna ipotesi.